fbpx

Non capiterà mai a me. Questo è il pensiero di molte persone quando si parla di relazioni tossiche.

Purtroppo la realtà è un’altra. Le vittime di un rapporto non equilibrato o sano sono più di quante ci piacerebbe credere. In alcuni casi, proprio chi è convinto di non poterci cascare ci si trova già dentro, ma semplicemente non ne ha ancora riconosciuto i segnali.

Addirittura spesso le persone non comprendono appieno il significato di relazione tossica. La considerano qualcosa di plateale e palese. Quando in verità può essere una condizione più subdola e ambigua.

Come riconoscere una relazione tossica

Dunque non è ovvio riconoscere una relazione tossica. E uno dei motivi è che può manifestarsi in modi diversi. Tuttavia, esistono alcuni segnali di allarme. In particolare:

1. Uno dei due soggetti dipende dall’altro.

È opinione di molti esperti che le relazioni tossiche si fondino su un rapporto di disparità. Ovvero, uno dei soggetti dipende emotivamente e affettivamente dall’altro. Come risultato, si innesca un meccanismo di dominanza/sudditanza.

2. Non riesci a essere te stesso/a davanti a quella persona.

Senti di dover indossare una maschera? Non sei a tuo agio nel dire cosa pensi? A volte non ti riconosci nemmeno più? Se non essere te stesso è un requisito necessario per far funzionare la relazione, c’è un problema.

3. Ruota tutto attorno all’altra persona.

In una relazione tossica c’è quasi sempre un protagonista e una spalla. Tutto ruota attorno al protagonista e al suo mondo, lasciando pochissimo – o zero – spazio all’altro. Dallo stato d’animo, alle necessità, fino ai desideri a lungo termine, il focus è puntato esclusivamente e costantemente su uno dei due. Tanto da annullare quasi del tutto il tuo io.

4. Manca il sostegno reciproco.

Secondo la dottoressa Lillian Glass, esperta di psicologia e di relazioni, una relazione è tossica quando le persone non si sostengono a vicenda. Una parte deve mettere in gioco tutto per la felicità dell’altra, senza che avvenga mai il contrario.

5. È sempre colpa tua.

Ti senti sempre sminuito e sotto accusa, come se niente di quello che fai vada mai bene o sia all’altezza. Così vivi una perenne condizione di imbarazzo e inadeguatezza. Unico rimedio: pensare e comportarti come l’altra persona, così da non sbagliare.

Relazioni tossiche: come dire basta

Ora che puoi riconoscerne i sintomi, bisogna passare all’azione e dire “basta!”. Uscire da una relazione tossica non è facile come spegnere un interruttore. Si tratta di un percorso a più tappe, che parte prima di tutto da te.

Step 1. Riconosci il tuo valore e non colpevolizzarti.

Come anticipato, il primo passo riguarda te e solo te.

Accetta che non sei tu il responsabile della tossicità di questa relazione. Ma soprattutto, riconosci di meritare di meglio. Non c’è ragione per cui tu non sia all’altezza delle altre persone, devi solo imparare a valorizzarti.

Esistono diversi modi per aumentare la tua autostima. Prima capirai quanto vali, prima riuscirai a liberarti dalle relazioni tossiche nella tua vita.

Step 2. Smetti di temere il cambiamento.

Rimanere in una sfera familiare è facile. Anche quando significa restare in una relazione tossica. D’altra parte, il cambiamento è faticoso e incerto.

Abbandona questa visione miope e liberati dalla paura di cambiare. Adotta un approccio più lungimirante per capire che il cambiamento è opportunità e crescita.

Lavorando su te stesso riuscirai a ottenere quello che vuoi dalla vita, compreso persone che ti rispettino.

Step 3. Non avere paura di chiedere aiuto.

Per orgoglio o paura di essere giudicati, spesso finiamo col tenerci tutto dentro senza chiederei mai aiuto a nessuno. Tuttavia, a volte può essere necessario. Specialmente quando da solo non hai gli strumenti o la lucidità per compiere un passo importante.

Il supporto di altre persone può essere fonte di forza e risolutezza prima, durante e dopo la tua decisione di terminare la relazione.

Step 4. È importante mettere la parola “fine” alla storia.

Non in tutte le storie arriva il “e vissero felici e contenti”, ma non per questo non possono finire. Anzi, è importante concludere completamente le relazioni tossiche.

Come spiegato prima, spesso si crea una condizione di dipendenza emotiva e affettiva. Per cui, almeno che non vi sia una separazione netta e concreta, c’è il rischio di ricaderci o di dar vita al classico rapporto tira-e-molla.

Ricorda, le relazioni umane dovrebbero arricchirci ed elevarci, non il contrario. Impara a riconoscere le relazioni tossiche e metti la parola fine a questi legami dannosi.

Lascia un commento

Ricorda che le informazioni contenute in questo sito web e nel manuale hanno esclusivamente scopo formativo e non costituiscono alcun trattamento medico o psicologico. Se pensi di soffrire di problemi di natura mentale o fisica, ti consiglio di rivolgerti a uno specialista. Tutti i Contenuti che siano marchi, loghi o altri segni distintivi sono marchi registrati dalla Società Davide Caforio -P.I. 01740190093, o da terzi che ad esse hanno concesso i relativi diritti.