fbpx

Esattamente, cos’è il coaching? Mi occupo di formazione e crescita personale da diversi anni, e molto spesso mi sento fare questa domanda. In realtà, la cosa non mi sorprende. Quello del coaching è un mondo ampio e complesso, in cui rientrano diverse categorie di professionisti e numerosi approcci.

In questo articolo, voglio spiegare nel modo più chiaro e semplice possibile cos’è il coaching e quali tipologie di coach esistono. Spero che questo serva a fare chiarezza, ma soprattutto che possa ispirare i lettori in cerca di aiuto a trovare la guida di cui necessitano.

Allora, che cosa è il coaching?

A una prima occhiata, il coaching potrebbe sembrare una forma di insegnamento ma in realtà c’è una bella differenza. Infatti, il lavoro del coach è sbloccare il potenziale di una persona per massimizzare la sua performance. Quindi, il coaching non insegna alle persone, ma le aiuta a imparare.

Il coaching è un metodo di sviluppo personale (applicabile anche a un gruppo di persone) che aiuta a individuare, sbloccare e massimizzare le potenzialità, così da poterle utilizzare per raggiungere specifici obiettivi di cambiamento autodeterminati attraverso l’azione.

 “L’unico vero errore è non chiedere aiuto.”

– Sandeep Jauhar

Quando parliamo di coaching, “aiuto” è una parola chiave. Infatti si tratta proprio di questo: aiutare e dare supporto alle persone che ne hanno bisogno, fornendo loro gli strumenti necessari per migliorare sé stessi e la propria vita, così da sentirsi più soddisfatti, realizzati e in generale felici. Perché questo avvenga, tuttavia, è importante che le persone stesse ricerchino quell’aiuto e ne siano ricettive.

Ma non è tutto. Per aiutarci a capire a fondo cos’è il coaching, l’Associazione Coaching Italia ha contribuito a redigere la Norma UNI 11601:2015, in cui si legge:

“Il Coaching è un processo di partnership finalizzato al raggiungimento degli obiettivi definiti con il Coachee (e con l’eventuale committente). L’agire professionale del Coach facilita il Coachee nel migliorare le prestazioni professionali e personali mediante la valorizzazione e il potenziamento delle sue risorse, capacità personali e competenze. Queste influenzano il potenziamento dei risultati e più in generale del benessere del Coachee.”

I valori del coaching che funziona

Per essere efficace, il metodo del coaching deve basarsi su dei valori ed elementi specifici e necessari. In particolare, deve:

  • Svolgersi all’interno di una relazione facilitante e cioè basata su un rapporto di collaborazione e su un accordo di lavoro tra coach e coachee (clinete/i).

 

  • Sviluppare il potenziale del/dei coachee, ossia individuare, stimolare, allenare e utilizzare le sue/loro potenzialità latenti.

 

  • Gestire le interferenze esterne e interne e migliorare la concentrazione.

 

  • Fare sì che il coachee sviluppi la sua consapevolezza e prenda coscienza delle proprie responsabilità, così da diventare responsabile delle proprie scelte.

 

 

  • Individuare uno o più piani d’azione per raggiungere quegli obiettivi.

 

  • Monitorare i risultati ottenuti.

Quali tipologie di coaching esistono?

Non tutti i coach sono uguali. E non mi riferisco solo alla qualifica e alle competenze professionali del coach, ma alle diverse tipologie di coaching esistenti. Ora, queste sono davvero tante, quindi mi soffermerò su quelle che rientrano nella mia attività.

Personal o life coaching

Questo metodo di coaching si rivolge alle persone che desiderano effettuare un cambiamento significativo nella propria vita. Dunque, il life coach aiuta il coachee a individuare ed esplorare i suoi obiettivi di vita e come raggiungerli in modo da essere più appagato.

Come puoi immaginare, il life coaching richiede un approccio estremamente personale e delicato. Si lavora sull’emotività e sulla vita privata delle persone, che spesso coinvolge altri individui e implica decisioni importanti. Per questo, è dovere del personal coach agire con cautela e con grande rispetto.

Business coaching

Il compito del business coach è concentrarsi sui problemi e aspirazioni professionali dell’individuo. In questo caso, è necessario partire dalle capacità e competenze del coachee per individuare le sue opzioni di carriera.

Tra coach e coachee si instaura una conversazione finalizzata a portare maggiore chiarezza sulle prospettive e sulle potenzialità dell’individuo, così da individuare le azioni future e mettere in moto i cambiamenti necessari.

Attinenti a queste due tipologie di coaching sono anche:

  • Performance coaching: volto a migliorare le prestazioni di un individuo per aumentare la sua efficacia e produttività sul lavoro.
  • Skill coaching: focus sulle competenze chiave della persona e su come svilupparle in base alle esigenze individuali.
  • Executive coaching: rivolto agli imprenditori e ai professionisti che ricoprono i ruoli più importanti in un’azienda, con la finalità di migliorare le loro prestazioni e la loro capacità di leadership.
  • Team coaching: lavora sul gruppo, sulla squadra. Ovvero, sul rapporto e la collaborazione per migliorare la fiducia reciproca, la cooperazione e le prestazioni del team.

Vuoi iniziare ora il tuo percorso guidato di crescita personale? Prenota la tua sessione di coaching!

Lascia un commento

Ricorda che le informazioni contenute in questo sito web e nel manuale hanno esclusivamente scopo formativo e non costituiscono alcun trattamento medico o psicologico. Se pensi di soffrire di problemi di natura mentale o fisica, ti consiglio di rivolgerti a uno specialista. Tutti i Contenuti che siano marchi, loghi o altri segni distintivi sono marchi registrati dalla Società Davide Caforio -P.I. 01740190093, o da terzi che ad esse hanno concesso i relativi diritti.